top of page

Energia "Sindone Profana"  Tecnica mista su tela cm.122x200 anno 2001

 

Sotto  Energia"Ballerina" Tec.mista su tela cm.140x150 anno 1996

 

About me/Informazioni

 

Non sono un oratore né uno scrittore,  mi sento meno a disagio se posso comunicare con i  miei quadri. Ho sempre dipinto.  Avevo  circa sette anni quando ho ricevuto in dono per Natale la prima cassetta di colori ad olio che tuttora conservo.    

La naturale predisposizione e l’aiuto dei grandi maestri scoperti e conosciuti soltanto sui libri, mi hanno appassionato e guidato passo dopo passo,  ad entrare  nel mondo dell’arte.

Quando lavoro, ho in mente solo un' idea di ciò che voglio realizzare e man mano che procedo, questa traccia prende forma ma anche tende ad evolversi dandomi così altre idee, che subito abbozzo su altri supporti.  Pagine, capitoli: dipingere è come scrivere una specie di libro, ogni quadro una pagina, ogni mostra un capitolo.

A  chi mi chiede una  collocazione o una chiave di lettura del mio operare, rispondo che potrebbe celarsi nella necessità di svelare l’energia per mezzo del colore, attraverso il segno del gesto, oppure tra le note musicali che mi accompagnano  quasi sempre e che in anni giovanili ho praticato e vissuto.  Note che trasformate in colore, seguendone l'andamento  stendo sulla tela come una sorta di pentagramma. Forse nascosta tra le righe, cercando nei versi e nelle trame i colori da tradurre poi in dipinti. 

il mondo, là fuori è un'altra cosa, è una realtà concreta bella e anche crudele. Io sono solo un pittore, il mio dovere è limitato a quella parte infinita del nostro essere ove il confine del tangibile si fonde con l’irreale e si perde nell’orizzonte del sogno, lasciando libera l’immaginazione. Dopo tutto, lasciarsi andare talvolta e sognare non è una vergogna, fa parte della nostra condizione umana e in alcuni casi può anche darci un piccolo aiuto. Lasciarsi andare! Semplicemente davanti ad un dipinto, astratto o figurativo che sia non ha importanza, vi è sempre un punto di incontro ove i loro contenuti si fondono, avviene anche per la musica. Abbandonarsi quindi nel variopinto vortice per leggere, interpretare, svelare e scoprire che tra le pennellate e le velature, il digradare e il fondersi della materia c’è un altro mondo, a disposizione di chiunque ed al quale ogni tanto si dovrebbe far riferimento.

 

Del mio lavoro hanno parlato e scritto tra gli altri:

Raffaella Cargnelutti, Enzo Santese, Giulio Gasparotti, Mario Stefani, Paolo Levi, Antonio Bruni, Enzo Demattè, Paolo Rizzi, Rodolfo Sonego, Luciano Perissinotto, Laura Vinello, Ruggero Sicurelli, Licio Damiani, Paolo Maurensig, Natale Zaccuri, Lorena Gava, Aldo Nodari, Chiara Pecile, Guglielmo Gigli, Ottorino Stefani, Serenella Castri, Anna Buttazzoni, Hasso Neumann,  Alessandro Fontanini, Roberta Filippi, Francesca Cursi, Vittorio Sutto.

 

Ho esposto in Gallerie in varie città in Italia: Milano, Venezia, Firenze, Treviso, Udine, Pordenone, Padova ecc. e all'estero: Parigi, Londra, Vienna, Berlino, Hannover, Magdeburgo e altro.

 

 

Periferie "Senza titolo" Tec.mista su tela  cm.69,5x59,5 anno 2013

Sono stato ospite due volte con i miei lavori al programma televisivo  "Artevisione Magazine" condotto da Laura Vianello di TV Capodoistria. 

vedi il servizio

 http://ava.rtvslo.si/predvajaj/artevisione/ava2.69065710/

 

  • flickr-square
bottom of page